Biden 2020: Bitcoin exchange FTX nella lista dei migliori donatori di Biden con un enorme contributo

Biden promette 300 miliardi di dollari per ricerca e sviluppo e „tecnologie innovative“.

Trump ha avuto una relazione piuttosto aspra con Bitcoin

Secondo l’organizzazione non profit OpenSecrets, l’exchange di bitcoin FTX è stato uno dei maggiori donatori della campagna elettorale di Biden 2020.

L’exchange di derivati ​​di criptovaluta FTX ha fatto una delle più grandi donazioni alla campagna presidenziale di Joe Biden per entrare a Whitehouse nelle elezioni statunitensi del 2020. FTX ha fatto una donazione di $ 5,22 milioni, sostenendo donatori come Google ($ 6,39 milioni) e l’Università della California ($ 6,38 milioni). Il più grande donatore è stato Bloomberg ($ 57,5 ​​milioni).

Le intenzioni di FTX non sono chiare, ma la donazione – al candidato che potrebbe benissimo essere annunciato confermato come presidente eletto nei prossimi giorni – potrebbe conferire al crypto-business una notevole influenza ai vertici del governo statunitense.

FTX è uno scambio di criptovalute relativamente nuovo, fondato dall’entusiasta di criptovalute Sam Bankman-Fried (CEO) nel 2019. È specializzato nell’offerta di derivati ​​crittografici

Sebbene la campagna Biden 2020 non abbia una politica fissa per la criptovaluta, si è impegnata a investire 300 miliardi di dollari in ricerca e sviluppo e „tecnologie rivoluzionarie“, secondo il sito della campagna .

Sebbene non si menzioni direttamente la criptovaluta, questo potrebbe plausibilmente includere, per lo meno, sistemi basati su tecnologie di registro decentralizzate o lo sforzo della Federal Reserve di tenere il passo con la valuta digitale della banca centrale cinese (CBDC), lo yuan digitale .

Trump, d’altra parte, ha avuto una relazione piuttosto aspra con Bitcoin. In una serie di tweet nel 2019, ha suggerito che bitcoin e altre criptovalute erano „non denaro“ il cui valore è „basato sul nulla“. Ha persino inseguito la Bilancia di Facebook, lamentando la società per aver pensato che avrebbe potuto cercare di diventare effettivamente una banca evitando le normative bancarie.

Pertanto, non è impossibile capire perché Biden 2020, non Trump, abbia tratto questa cospicua donazione da FTX. Se si traduca in influenza sul processo decisionale è ancora da vedere. Tuttavia, questo potrebbe segnare l’inizio di una nuova ondata di impegno politico da un mondo criptato che si concentra principalmente sullo sviluppo interno. In un paese con un ambiente legale notoriamente lento e riluttante, potrebbe sicuramente aiutare ad accelerare le cose.